CHIURLO TOUR – Irlanda in bicicletta

8.5 PERCORSO

8 STRUTTURE

9 PERSONE

7 ORNITOLOGIA

8.1
Tempo di lettura: 4 minuti

Rapido viaggio attraverso la mitica WILD ATLANTIC WAY, la strada costiera più lunga d’Europa. 2500km che si snodano su asfalto dalla penisola di Inishowen, nella contea di Donegal, passano per l’Ulster, a Kinsale per arrivare nella contea di Cork, sulla costa del Mar Celtico. Con la Ratta ne percorro solo una parte, da Cork fino a Sligo, con una esile deviazione in Connemara. Flora, fauna, storia e arte, tradizione, avventura, musica e cultura, tutto in 2500km.

Set up originale: due borse posteriori Ortlieb ed una ingombrante e quanto mai affascinante borsa californiana pantone Oliva anteriore. I suoi 26 litri di accoglienza mettono in crisi le mie capacità organizzative, troppo spazio per una disordinata mente. Jumbo Jammer il suo nome, ed è enorme. Il tutto armonizzato dalla sella Brooks Swift, fedele compagna di chilometri da percorrere in bici.

Seguiamo pedissequamente i cartelli con il logo ideato per questo percorso, un’onda stilizzata ad oggetto grunge. Non male.

Si guida a sinistra e l’unico vero pericolo è rappresentato dalla vegetazione cespugliosa ai lati della strada: le corsie sono piuttosto strette e l’assenza di un guard rail metallico aiuta il contatto con gli arbusti…

Viaggio dedicato ad una specie locale, tra le più peculiari, a rischio estinzione: il Chiurlo (Numenius arquata).
Nel 2017 è stata istituita una “Task Force Chiurlo” in risposta alle preoccupazioni circa il calo del numero di chiurli riproduttori. Attraverso un sondaggio finanziato da National Parks and Wildlife Service e condotto da BirdWatch Irlanda è stato messo in luce che la popolazione era scesa a 150 coppie, con un calo probabilmente superiore al 90%, principalmente nelle torbiere e i terreni agricoli marginali. Per un periodo di due anni, una vasta gamma di parti interessate, tra cui BirdWatch Ireland, altre ONG, organizzazioni agricole e istituzioni accademiche, hanno lavorato per proporre una serie di raccomandazioni per aiutare ad invertire i numeri.

Gettyimages/Mark L Stanley

Le raccomandazioni includono la necessità di pagamenti ai proprietari terrieri per la gestione della specie, la protezione dei siti di chiurlo da sviluppi inappropriati come l’estrazione della torba, il rimboschimento e l’intensificazione, nonché ulteriori ricerche. La task force fa anche una richiesta generale per lo sviluppo di un piano d’azione per le specie volto a salvare l’uccello. Il sito npws.ie monitora gli aggiornamenti in corso.

Le romantiche coste occidentali rimarranno a lungo nella mia minimal mente. Pochissimi i ciclo viaggiatori incontrati, tutti di opposta direzione. Credo di aver calcolato male la direzione del vento.
Per fortuna la vera vita inizia nei pub, emblema di un popolo che fa dell’armonia relazionale serale la sua migliore qualità. Poche le pietanze servite, molte, moltissime le birre. Non esiste l’idea di amaro. Esiste il Whisky.

Questo viaggio sancisce l’inizio della mia carriera di Whisky. Elogio a Tomás, ometto locale d’esperienza conosciuto a Galway, in uno dei colorati pub. Ceniamo insieme e ci conosciamo con il rumore di fish & cips e Guinnes. Divoro velocemente il merluzzo fritto, buonissimo dopo una giornata di pedalate bagnate. A fine cena la proposta indecente, Tomás mi chiede se voglio un whisky. Tentenno e affermo, con durezza, che il Whisky non mi garba proprio. Come dire ad un italiano che la pizza non ti piace perché quella che assapori in Irlanda non è di tuo gradimento.

Col piglio di chi non ha nulla da perdere inizia a descrivermi i primi tre whisky che assaggerò, convinto di convincermi. A fine serata ne avrò assaggiati nove. Forse Tomás lavorava per il pub. Dopo quella sera, tutte le successive trascorse ad un pub sono terminate con un assaggio di multipli di tre, di Whisky. E continuo tuttora.

I primi mille chilometri corrono veloci sull’asfalto umido irlandese. Il meteo è per metà piovoso e a tratti la nebbia impedisce di distogliere lo sgardo dalla strada. L’assenza di veri compagni di viaggio mi fa correre rapido, tra un faro e una scogliera in cui diventare piccoli.

I colori di Dingle nella contea di Kerry si vedono anche con la nebbia; un gusto Bohémien nei sui negozi e pub. Il Dingle Gin e una pinta della birra di Tom Crean ti accolgono i modo semplice e caldo, nonostante la pioggia d’agosto. Il sole torna a Doolin, pausa obbligatoria per le irriverenti Cliffs of Moher e per le soffici Isole Aran. Nel Gus O’Connor Pub si ascolta il richiamo delle scogliere.

1300 chilometri circa di grande apertura, discreta quantità di pioggia, scogliere timide e fari sotto cui dormire e programmare i prossimi viaggi.

Percorso – grossolano – del viaggio
TAPPE

Day 1 (26 luglio)/ Milano Linate Airport – Cork Airport – Kinsale  22km

Day 2 (27 luglio)/  Kinsale – Rosscarbery  76km

Day 3 (28 luglio)/  Rosscarbery – Barleycove  90km

Day 4 (29 luglio)/  Barleycove – Coomacullen  70km

Day 5 (30 luglio)/  Coomacullen – Derreentaggart  95km

Day 6 (31 luglio)/  Derreentaggart – faro ala fine della Penisola di Sheep’s head 95km

Day 7 (1 agosto)/  faro ala fine della Penisola di Sheep’s head – Castelcove 65km

Day 8 (2 agosto)/  Castelcove – Garranebane 67km

Day 9 (3 agosto)/  Garranebane – Dingle – Ballinaboula 105km

Day 10 (4 agosto)/  Ballinaboula –  Ballybunion 105km

Day 11 (5 agosto)/  Ballybunion – Aill Na Brun (sogni meravigliosi) 95km

Day 12 (6 agosto)/  Aill Na Brun –  Doolin 95km 

Day 13-14 (7-8 agosto)/  Doolin (Cliffs of Moher + Isole Aran) 0km 

Day 15 (9 agosto)/  Doolin – Galway 80km 

Day 16 (10 agosto)/  Doolin – Errisbeg 112km 

Day 17 (11 agosto)/  Errisbeg – Parco nazionale di Ballycroy 120km 

Day 17 (12 agosto)/  Parco nazionale di Ballycroy – Sligo 120km 

Day 18-19 (13-14 agosto)/  Sligo – Galway (bus) 0km 

Day 20 (15 agosto)/  Galway – Milano Linate Airport

KM TOTALI
1300 mas o menos
ASCESA TOTALE
11.000 m mas o menos
ATTREZZATURA

DISCRETA VOGLIA DI PEDALARE

BORSA ANTERIORE/ ROADRUNNER Jumbo Jammer (26l)

BORSE POSTERIORI/ ORTLIEB Gravel Pack duo (25l)

PORTAPACCHI ANTERIORE/ NITTO M12

PORTAPACCHI POSTERIORE/TUBUS Logo acciaio CrMo

TENDA/ MSR Hubba Hp solo + MSR Footprint Mutha Hubba HP

MATERASSINO/ SEA TO SUMMIT Ultralight Mat

SACCO A PELO/ SIMOND Macalu 1

CUCINA/ TRANGIA mini alcool + TOAKS titanium bowl 750ml +  TRANGIA porta alcool con valvola sicurezza 1000ml

USB CHARGE/ CICLE2CHARGE +CINQ5 Smart Power Pack II

GPS/ GARMIN Edge Touring Plus

GPS/ SPOT 3

TIPS - CONSIGLI

Accettate la pioggia come vostra amica, lei comunque vi raggiungerà.

Il miglior modo per assaporare gli irlandesi è andare a casa loro: cercate di cenare nei pub locali, il vero nido per questo calmo paese.

Attenzione alla larghezza delle corsie, sono strette e manca una banchina. Alla fine della corsia si erge un muro di cespugli, imponente.

Dormite in tenda vicino ad un faro, al confine estremo delle penisole, gioverà alle membra stanche e sarà da stimolo nel ricordo di nottate indelebili.

More from pasquale quitadamo

La cesena – fieldfare (Turdus pilaris)

La Cesena ha dimensioni medio-piccole, forme piuttosto slanciate, becco robusto, coda di...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *