Gli uccelli nel mondo

Distribuzione degli uccelli nel mondo in funzione delle zone biogeografiche e dei differenti paesi. Da The speciation and biogeography of birds. NEWTON, I, 2003. London&San Diego: Academic Press P.p. 199-204
Distribuzione degli uccelli nel mondo in funzione delle zone biogeografiche e dei differenti paesi. Da The speciation and biogeography of birds. NEWTON, I, 2003. London&San Diego: Academic Press P.p. 199-204

Ci sono circa 9703 specie di uccelli suddivise in 29 ordini, 142 famiglie e 2057 generi (Sibley e Monroe 1992).

La classificazione degli uccelli è una questione molto complessa e controversa. La maggior parte dei biologi concorda sul fatto che in natura esistano circa 9.700 specie, tutte appartenenti alla classe Aves, ma in che modo le diverse specie siano imparentate tra loro è un argomento ancora aperto al dibattito. Attualmente, quasi tutte le più importanti autorità in materia concordano sull’identificazione di 25-30 ordini di uccelli, contenenti circa 148 famiglie. L’ordine di gran lunga più ampio è quello dei Passeriformi, che include più di 5.000 specie, ben oltre la metà quindi delle specie conosciute. Il numero totale di uccelli del pianeta è molto difficile da stimare perché le loro popolazioni subiscono fluttuazioni stagionali, ma gli scienziati hanno suggerito che ci possono esserci tra 100.000 e 200.000 milioni di adulti o quasi adulti uccelli del pianeta in qualsiasi momento.

Di questi il più numeroso tra gli uccelli selvatici è la Quelea beccorosso-Red-billed Quelea (Quelea quelea) a sud del Sahara in Africa. Questi uccelli sono così prolifici che rappresentano un danno alle coltivazioni di cereali e vengono uccisi a milioni ogni anno nel vano tentativo di controllarne la popolazione.

Quelea beccorosso (Quelea quelea)
Quelea beccorosso (Quelea quelea)

Quando si tratta di uccelli, molto poche sono le specie che si possono definire cosmopolite, cioè diffuse in larga parte del mondo: tra queste il Falco pescatore (Pandion haliaetus), il Falco pellegrino (Falco peregrinus), il Fratino (Charadrius alexandrinus), il Barbagianni (Tyto alba). Il passeriforme con la più ampia distribuzione zoogeografica è la Rondine (Hirundo rustica). Anche se saliamo ad un livello tassonomico più elevato, i generi cosmopoliti, o quasi, sono davvero scarsi:

Podiceps, Phalacrocorax, Ardea, Circus, Falco, Rallus, Columba, Caprimulgus, Anthus, Turdus, Corvus, oltre ad alcuni generi di uccelli marini.

Fin dal secolo scorso, la distribuzione degli uccelli è stata studiata con lo scopo di suddividere le grandi masse continentali in regioni la cui avifauna potesse dirsi grosso modo omogenea; questa particolare branca della scienza viene chiamata zoogeografia. Ben presto è stato chiaro che i continenti della geografia convenzionale non si prestano a descrivere in maniera soddisfacente le suddivisioni della zoogeografia.

Le attuali distribuzioni delle diverse specie di animali sono il risultato di complicati processi che coinvolgono l’evoluzione di una specie e la sua successiva dispersione verso regioni differenti da quella di origine. I limiti della distribuzione delle specie possono essere dettati da fattori ecologici (habitat, clima, disponibilità di prede, predatori) così come fisici (deriva e separazione dei continenti, glaciazioni, barriere geografiche).

È per la somma di questi motivi che l’avifauna del cosiddetto Vecchio Mondo (Eurasia e Africa) è radicalmente diversa da quella del Nuovo Mondo, per non parlare dell’Australia. All’interno del Vecchio Mondo, inoltre, risulta evidente una regione coerente, caratterizzata da un’avifauna piuttosto omogenea, che viene chiamata Paleartico e che copre tutta l’Europa, l’Asia (esclusa l’area a sud dell’Himalaya e gran parte dell’Arabia) e il Nord Africa fino a circa metà del Sahara.

Distribuzione degli uccelli nel mondo in funzione delle zone biogeografiche e dei differenti paesi. Da The speciation and biogeography of birds. NEWTON, I, 2003. London&San Diego: Academic Press P.p. 199-204

 

Bibliografia

The speciation and biogeography of birds. NEWTON, I. 2003. London & San Diego: Academic Press. P.p. 199-204

Quaderni di birdwatching. Anno I – n° 2 – ottobre 1999

Fonti

Photo By mikebaird

Photo by Alastair Rae

More from pasquale quitadamo

Il manachino delizioso (Machaeropterus deliciosus)

Il manachino delizioso è un piccolo passeriforme appartenente alla famiglia dei pipridi...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *